Consigli per l’acquisto della tua prossima bici: il telaio

Il telaio è l’elemento che unisce ogni singolo dettaglio della bici.
E’ il mezzo attraverso il quale le forze si trasferiscono e le sensazioni si propagano. Non tutti i telai sono uguali: forme, geometrie e materiali concorrono a regalarti l’esperienza che stai cercando.

 

Geometria

Esistono diversi approcci che i marchi di biciclette adottano nel disegnare le geometrie dei loro telai. Possiamo tuttavia raggruppare
i telai dentro tre macro categorie.

I primi, quelli definiti RACING, rispondono a pure esigenze di performance.
Le geometrie, i materiali e le soluzioni adottate rendono la bici molto rigida e reattiva, facendo assumere al ciclista una posizione più bassa per ottenere la massima manovrabilità, sia nei tratti dove è richiesta velocità e potenza che nelle salite dove è l’efficienza a fare la differenza.

I telai ENDURANCE, invece, adottano delle soluzioni che prevedono una posizione del ciclista leggermente più verticale.
In questo caso, le geometrie e gli altri dettagli sono pensati per offrire una sensazione in sella più rilassata, confortevole, che aumenta in generale il senso di confidenza e stabilità.

L’ultima categoria, quella più estrema, è quella dei telai AERO.
Nati per rispondere a pure esigenze aerodinamiche, vengono progettati per migliorare al massimo l’efficienza del binomio uomo-macchina a velocità sostenute. Sono i telai utilizzati dai professionisti durante le tappe di pianura o dove tutto si può decidere con un sprint finale.
Sono una soluzione molto utile per i triatleti che vogliono comunque dotarsi di una bici più versatile.

 

Misure

Una volta scelto il tipo di telaio che più si addice al tuo stile, è motlo importante scegliere la misura del telaio e la combinazione dei componenti che si adattano al meglio alla tua conformazione fisica.
Avere un’ottima bici, ma con delle misure non ottimali, potrebbe compromettere la tua esperienza in sella, le tue performance e il tuo investimento.
Per evitare dunque qualsiasi problema, anche fisico, è dunque consigliabile investire un po’ di denaro in una corretta messa in sella (bike fitting), così da ottenere tutte le specifiche con le quali scegliere la tua prossima bici.

 

Disc o Rim?

I freni a disco sono oggi uno standard anche per il ciclismo su strada. Sono infatti stati approvati dall’UCI per il loro utilizzo nelle gare professionistiche nel ciclocross.
I freni a disco assicurano una migliore frenata, sia in termini di potenza, che in di bagnato. Un’altra caratteristica distintiva dei freni a disco è la modulabilità della forza frenante.
I freni a disco pagano certamente in termini di peso, e per alcuni, non rappresentano il design distintivo della bici da corsa.
In questo caso il ciclista potrebbe decidere se adottare dimensioni uguali o differenziate per il disco anteriore e posteriore.
Il disco è disegnato per garantire sia il massimo in termini di prestazioni di frenata che di sicurezza, ha infatti un profilo arrotondato e smussato.
D’altro lato, i freni caliper, quelli tradizionali, mantengono il design tradizionale della bici da corsa.
Sono una soluzione molto più leggera e comunque performante. Il design Dual Pivot in particolare garantisce un’ottima forza frenante e una buona modulabilità di frenata.
I freni Caliper ti permettono di mantenere sempre il totale controllo della potenza frenante grazie al nuovo sistema di leveraggio e alla consolidata esperienza nelle mescole dei pattini freno.

 

La bici è anche un mezzo attraverso il quale il ciclista si esprime

La passione per la bici si può esprimere in diversi modi e il bello è che ogni ciclista può interpretare questo mondo a modo suo. La bici non è solo un mezzo tecnico, è anche un modo di esprimersi, nello stile, nei significati, nei propri confronti e nei confronti degli altri.
La bici in qualche modo rappresenta colui che la pedala, deve piacere alla vista, deve poter essere fonte di soddisfazione per diversi aspetti.
La bici è dunque anche una questione di estetica, di sensazioni. La si vive attraverso i sensi: la si tocca, la si ammira, la si ascolta.

 

L’estetica è una questione d’insieme

Non c’è consiglio più genuino e disinteressato rispetto a quello di scegliere ciò che ti piace, quello che ti rappresenta, quello che nel proprio intimo si è consapevoli essere la scelta giusta.
Esistono molti marchi di bici, alcuni più distintivi, altri più famosi, altri ancora più di nicchia o con alle spalle una storia che essa stessa è valore puro. Esistono bici dalle linee più aggressive, altre più classiche, modelli in carbonio, altri in acciaio o titanio.
La soddisfazione estetica è poi data dal tutto, dall’insieme, dall’aggregato che la bici rappresenta.
Ed è per questo che anche ogni singolo componente, ogni piccolo particolare, può fare davvero la differenza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: