Come è nata Sportful

Olindo e Irma Cremonese, originari di Asolo, si sono trasferiti ai piedi delle Dolomiti nel 1946 per avviare un’attività, che all’inizio riguardava la lavorazione della lana. In seguito quest’attività è evoluta – verso la fine del 1960 – dando vita a una linea di intimo di qualità, sotto il nome di Manifattura Valcismon.

La storia di Sportful ha veramente inizio nel 1972 quando il figlio, Giordano Cremonese, vuole partecipare alla sfida rappresentata dalla nuova Marcialonga di sci di fondo, che si disputerà poco lontano da dove vive.

Anche se era un esperto praticante di sci di fondo e atleta in generale, sentiva che l’abbigliamento allora disponibile era inadeguato per una così lunga gara in una vallata fredda. Mise in piedi così una produzione di suoi disegni usando tessuti di acrilico, che al tempo erano di ultima generazione, dando il tocco finale ai capi con il logo ‘Sportful‘ per dare una marcia in più al loro design e obiettivo.

In una fredda mattina di gennaio in Val di Fiemme, Giordano era alla linea di partenza assieme ad un altro centinaio di sciatori;  ha così preso parte a questa dura gara con la sua tuta arancio brillante che era stata disegnata per tenerlo caldo e comodo per i 70 Km del percorso.

Il suo abbigliamento unico ricevette molti complimenti e richieste – così si rese conto che c’era una domanda per capi di qualità  creati appositamente per quello sport. Dal 1973 Sportful divenne operativa soddisfacendo gli ordini che arrivavano da tutta la zona delle Dolomiti  e questo grazie alla sua linea di abbigliamento speciale per lo sci di fondo.

Nel 1985, con all’attivo una solida reputazione nel mondo dell’abbigliamento da sci, il marchio Sportful ha seguito la passione del Dr. Cremonese negli altri tipi di sport, cominciando a sviluppare capi da ciclismo, sfruttando la sua conoscenza acquisita nel disegnare capi per gareggiare confortevolmente in condizioni climatiche instabili.

Il marchio è stato ben accolto nella comunità ciclistica, da team come Ceramiche Ariostea e Maglificio Bianchi, che usavano Sportful. Nel giro di qualche anno era utilizzato dal team che ha collezionato più vittorie di sempre – Mapei – e successivamente si è fregiato dell’onore di vestire la Nazionale Italiana, che ha vinto 6 Campionati Mondiali ed un Titolo Olimpico.

La famiglia è sempre stata il centro del marchio Sportful, dai suoi inizi come Manifattura Valcismon con Olindo e Irma che vendevano la loro lana alle fabbriche del Veneto, passando poi le redini al figlio Giordano, mentre ora ci sono i suoi figli Alberto, Alessio, Dario e Gioia, che ricoprono ruoli importanti all’interno dell’azienda dal 1995. Si tratta di una famiglia allargata, contando che ci sono dipendenti che sono con l’azienda da 40 anni, che rimane sempre nella stessa vallata da dove è iniziata la sua storia, nel 1946.

Nel 2007 Sportful, grazie al suo amore per le montagne, ha creato la linea per abbigliamento da outdoor Karpos, un insieme  di capi tecnici creati per l’utilizzo in ambiente montano che sia scalata, camminata o sci d’alpinismo. Si può vedere sempre l’influenza della passione per la montagna in molti prodotti, che sia dal nome di una giacca o dal dettaglio.

Sportful è stata sponsor dell’abbigliamento tecnico di alcuni dei più grandi nomi dello sport – nel passato da Mapei alla Nazionale Italiana fino alla partnership con Tinkoff Saxo. Nello sci di fondo la Nazionale Italiana, Ceca, Finlandese, Ucraina  e Kazaka e quella Spagnola e Italiana per lo sci d’alpinismo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: